Benritrovati per un nuovo appuntamento con il mio blog! 

La scorsa volta avevamo parlato di alimentazione in gravidanza e vi avevo lasciati promettendovi un nuovo articolo sullo stile di vita in gravidanza...e come promesso, eccomi qua!

Stile di vita...ma cosa si intende per stile di vita? Bella domanda.

Per stile di vita si intendono tutta una serie di buone o cattive abitudini a cui in gravidanza, ma per certi versi anche per chi non è in dolce attesa, è bene fare attenzione per scongiurare complicanze più o meno gravi.

La volta scorsa abbiamo parlato di alimentazione: anche questa rientra tra gli argomenti riguardanti lo stile di vita, ad esempio.

Oggi invece parleremo di altri argomenti, sempre collegati allo stile di vita, come fumo, alcool, droghe e sostanze stupefacenti.

Oramai sono noti, grazie agli studi e alle evidenze scientifiche, i danni creati da fumo, alcool e sostanze stupefacenti, per la salute di mamma e bambino.

In gravidanza è bene abbandonare queste pessime abitudini, spronate e incoraggiate dal fatto che ora siete responsabili, oltre che di voi stesse, di un’altra piccola vita che state costruendo cellula per cellula.

 

Cerchiamo ora di capire cosa affermano gli studi sopracitati.

Il fumo, oltre che causare ipertensione materna, ipossia cellulare fetale, ritardo di crescita e conseguente basso peso alla nascita, e danni neurologici e cerebrali, fa “invecchiare” la placenta.

Ma cosa intendo per “invecchiare”?

Per invecchiare intendo che a causa del fumo la placenta subisce degli “infarti”.

La placenta è formata da porzioni chiamate cotiledoni, dei lobi che permettono lo scambio di sostanze nutritive e ossigeno da mamma a feto, e sostanze di scarto da feto a mamma.

Ognuna di queste porzioni di placenta deve funzionare alla perfezione perchè il feto riesca a ricevere tutto ciò di cui ha bisogno.

Il fumo va a danneggiare queste porzioni di placenta che quindi smette di garantire uno scambio materno-fetale ottimale: basta che il 10% della placenta sia infartuata per non garantirne un funzionamento sufficiente a mantenere lo stato di benessere del feto.

Oltre a quelli sopraelencati, i rischi del fumo in gravidanza sono:

- Interruzione della gravidanza per aborto spontaneo o morte fetale

- Parto prematuro e rottura prematura delle membrane

- Distacco di placenta

- SIDS, Sindrome della Morte Improvvisa del Neonato.

 

Altra sostanza dannosissima per il feto è l’alcool.

Le evidenze scientifiche dimostrano che l’alcool sul feto ha effetti devastanti a livello cerebrale.

Il bambino completa il suo sviluppo cerebrale intorno ai 2 anni: viene da sè che l’assunzione di alcool in gravidanza non darà via di scampo al feto per quanto riguarda insulti cerebrali dovuti alla natura tossica di questa sostanza.

Il feto di una donna che assume alcool in gravidanza, in base a quantità ed epoca gestazionale di assunzione, inoltre rischia:

- Morte intrauterina

- Ritardo di crescita intrauterina e basso peso alla nascita

- Deficit neurologici, microcefalia e disturbi comportamentali

- Labiopalatoschisi, onfalocele, gastroschisi

- Convulsioni ed epilessia

Per non parlare di droghe e sostanze stupefacenti, se possibile, ancora più dannose per mamma e bambino.

 

Un altro rischio importante, dovuto a fumo, sostanze stupefacenti e alcool, è la SAN, Sindrome da Astinenza Neonatale.

Il feto, abituato alla presenza di nicotina, alcool o droghe nell’organismo della madre, e quindi anche nel suo, alla nascita può andare letteralmente in crisi d’astinenza, con tutte le conseguenze del caso. Stessa cosa vale per i farmaci assunti per libera scelta e non sotto controllo medico.

Dovrà essere tenuto sotto stretto controllo per scongiurare crisi anche importanti e dovrà sottoporsi ad una vera e propria disintossicazione, che può durare molte settimane.

 

Alcune donne sottovalutano la pericolosità di queste cattive abitudini, per questo è fondamentale che gli operatori sanitari dedicati alla cura della donna in gravidanza effettuino un corretto ed esaustivo couselling durante la prima visita.

La consapevolezza può aiutare la donna ad abbracciare un nuovo e più salutare stile di vita, sempre con il supporto e mai il giudizio di chi si prende cura di lei.

 

Alla prossima, con il movimento in gravidanza e i viaggi in sicurezza, per concludere questo viaggio alla scoperta dello stile di vita in gravidanza.